Un premier dall’ inglese maccheronico e un giornalismo dalla professionalità scaduta: come uscirne illesi?

The pen is on the table.

La lingua inglese è da sempre un ostacolo insormontabile per il popolo “italianofono” che per vicende legate anche ai dei fenomeni di migrazione verso l’America, ha conquistato la posizione di particolare genus ibrido, a cavallo tra Dean Martin e Al Capone. Il nostro inglese tricolorato è spesso vittima di derisioni globali dagli stessi anglofoni che ci ascoltano arrabattare tra i vari <<ehmmm…. ehmmm mmmm ….aehmmm>> con un misto di derisione e simpatia.

Non è un caso, e lo ammetto per esperienza personale, che i nomi di persona molto in voga nella City, siano spesso Francesco, Francesca o Carlo; e non è parimenti casuale che da qualche anno, sia di moda per gli snob dei quartieri alti come Chelsea, di salutarsi con un italianissimo “ciao”. Il web è costellato di scherni sul nostro personalissimo modo di esprimerci, condito di suoni alle volte cacofonici o melodici e con l’ausilio di gesticolazioni marcate specialmente nel centro-sud.

Fatte queste premesse, vi sarà chiaro il collegamento a cui intendo dirigervi: la performance di Renzi a Venezia che esplode in un inglese maccheronico e storpiato, alternato a numerose balbuzie e alle ben note comiche espressioni facciali che assume

e.Matteo-Renzi

 

Il sito Vice si è divertito, seppur con qualche imperfezione, a discernere i momenti salienti della gaffe renziana in dieci punti, sottolineando come i costrutti siano stati sgrammaticati e incomprensibili a tutti i presenti. Dopo un attento ascolto tuttavia, mi preme scagliare una lancia a favore del premier.

La conoscenza della lingua inglese, seppur imperfetta, poiché non lingua madre, c’è ed è palese. Chiaramente ci si aspetta da un politico di tale carica che i discorsi pubblici siano ineccepibili, ma Renzi non è stato il primo a misurarsi con una figuraccia del genere. (cvd)

Anche in questo caso, hanno padroneggiato gli aspetti di “vendita della notizia” piuttosto che di “qualità della notizia” diffusa. Vista in un’altra ottica, essendo tutti perfettamente consapevoli che il nostro inglese parlato medio sia viziato da cacofonie simili, lo scalpore suscitato è decisamente esagerato.

Pensate a Shultz, Friedman o a quanti si cimentano nella nostra lingua…e provate a intercettare le difficoltà che incontrano nell’esprimersi, in rapporto alla comprensione totale di quanto dicono.

A me non sembra che il discorso sia incomprensibile al punto tale da costargli il demerito rispetto al ruolo che ricopre; piuttosto mi sembra ridicolo dare in pasto a una popolazione generalmente e mediamente ignorante in materia, una siffatta notizia (che poi notizia non è) posta in questi termini e che contribuisce solamente ad acuire lo scontro elettorato/casta.

Vista da qui, la gaffe ci sembrerà meno grave di come sia stata posta. Chi si è trovato a lavorare all’estero, forte della propria acquisita conoscenza della lingua straniera nel paese di nascita, conosce perfettamente le difficoltà espositive per cui difendo il premier.

In ogni caso, l’esposizione mediatica è incontrollabile e a questo punto l’endorcement renziano dovrà pensare a come uscirne illeso quanto a popolarità, consenso e apprezzamento dell’elettorato, che per via dei social network, sembra sempre meno disposto a perdonare l’errore del politico. La reazione dovrà essere tempestiva, sebbene già si sia giunti alla fase in cui l’intero discorso sia stato segmentato e rielaborato per renderne virali le scene più balbettanti e comiche. Questo circolo di diffusione virale si mise in moto per esempio anche negli States, durante la campagna di Howard Dean. La costante riproduzione di spezzoni drammatici della gaffe gli costò l’intera campagna elettorale.

Il potere distruttivo di queste pratiche è di tipo riflessivo: si attorciglia su se stesso e ogni internauta ha facoltà di aggiungere un pezzo comico del puzzle in più, con semplici programmi di editing e piattaforme social.

La latenza della distruttività di una gaffe pubblica può essere interrotta solamente reagendo in maniera intelligente.

Le possibili soluzioni si rifanno tutte all’idea secondo la quale, esorcizzare una figuraccia ponendosi in prima posizione nell’autocritica scherzosa e leggera, ha il potere di attenuare la reazione sdegnata del vulgus…

Oppure tacere.

Inserirsi nel dibattito in posizione polemica e di difesa del proprio operato già sentenziato dal pubblico come sbagliato, avrebbe il doppio risvolto negativo di allungare i tempi in cui il fatto cadrà nel dimenticatoio, ovvero i tempi del ciclo della notizia.

Perciò… the pen is on the table but Renzi in not unable. :)

Annunci

Il ricircolo delle notizie nel vortice dell’oblio manipolato

Notizia vecchia: rigetto di Strasburgo per il ricorso dei familiari di Carlo Giuliani, morto negli scontri del G8 più sanguinoso della storia.
Notizia attuale: leggo per caso, i commenti di numerosi cittadini che si limitano a asserire che “i facinorosi mascherati” abbiano avuto il ben servito, facendo circolare nuovamente notizie già diffuse da tempo (a dimostrazione che meno dell’1% degli internauti LEGGA VERAMENTE quanto si sostenga di “condividere”).
Dalla mia personale analisi dei commenti degli internauti italiani, emerge come la funzione di dissuasione alla pubblica manifestazione sia stata centrata in pieno da quel Ministero degli Interni che avallò procedure di repressione estrema, ingiustificata e insana delle forze dell’ordine, sorprese persino a macchiare le prove della loro colpevolezza dietro la pantomima del <> ( termine scritto e riportato da internauti in questa forma e che testualmente cito) cattivo violento e incazzato.
Per una trattazione del fenomeno, si rinvia e Wikipedia, esauriente fonte di saggezza! http://it.wikipedia.org/wiki/Black_bloc Con banali sintesi, è pacifico riscontrare che c’è gran confusione anche sulla cultura sita dietro tale movimento, per offuscanti deliri di passioni ideologiche, da cui per ragionare, si dovrebbe un minimo trascendere.
Emerge come sia destabilizzante, disinformante e fuorviante il modo di riportare la notizia a persone che, non me ne vogliate, trascorrono la loro giornata ignorando quanto accade oltre il loro naso. Consentitemi di riflettere su quanto sia letale per la realizzazione dell’individuo garantita ex artt. Cost 2,3 e 13 Cost., un siffatto sistema di menzogne impacchettate per un pubblico generalista e infilate come la sottiletta in un panino, tra il culo della D’Amico che si pompa Buffon e le vicende di Yara Gambirasio.
Non voglio ribadire quanto è stato già detto.
Voglio solo ammonire che, in presenza di determinati modi di ragionare indotti da servilismo passivo e automatizzato, dinanzi allo sgretolamento delle proprie facoltà intellettuali e di raziocinio in favore del pensiero comune indottrinato, dinanzi allo scontro dello stato contro i suoi cittadini immerso in processi tuttora in corso e in ferite drammatiche difficilmente recuperabili, allego (per chi volesse) i “luoghi” dove informarsi in materia e farsi un’idea, la quale, condivisibile o meno, per essere espressa DEVE necessariamente essere il risultato di un processo di ragionamento ragionato, consapevole e informato.
http://www.veritagiustizia.it/
http://www.processig8.org/

Becero populismo dei link di FB

Le bufale europee sui social raccolte in una pagina: la parola dell’ideatore

"Le elezioni europee sono diventate un referendum: europa si, europa no."
Brillantemente Salvini ha così sintetizzato il senso di questa campagna elettorale, cogliendo (inconsciamente suppongo) la peculiarità che la caratterizza da altre esperienze elettorali. Senza fare ritrosie ed ammettendo che ogni caso fa storia a sè, mi sembra pacifico scrivere che i modi, i toni, i messaggi e l’atteggiamento di campagna elettorale generale, siamo impostati proprio come si imposta la battaglia per il referendum, cui si chiede agli elettori, semplificando vertiginosamente la disciplina in materia, se dire si o no alla cancellazione di qualcosa che è in vigore.
Chiaramente l’elettorato è spupazzato a stordito. Si parla di isteria europea: c’è chi da ex compagno si trova a condividere i temi della lega oppure chi da imprenditore storicamente legato a Forza Italia, che invece si trova a voler dare il consenso al PD. 
Questa Isteria traspare anche nei talk show, che seguo ahìme continuamente, e in cui si assiste a Salvini che da ragione a Travaglio o alll’Annunziata che ossequia una threesome con Berlusconi e Salvini.
Mi sono chiesta come se la passa Facebook, felicemente associato alle pareti dei bagni pubblici (cit. Travaglio)…E per rispondermi, ho chiesto all’amministratore di una community che ripropone a chi la segue, i contenuti più assurdi che circolano per il web in tema di politica
Immagine
La pagina si chiama appunto Becero Populismo dei link di FB.
Partiamo dal nome, obiettivamente evocativo: come mai un aggettivo come “becero” accanto a populismo?
Rispondono:
Cercavamo un aggettivo adeguato a far capire il livello dei link che girano in rete negli ultimi anni. Tematiche e problematiche importanti trattate in maniera, appunto, “becera”, senza alcuna fonte o ragionamento. La pagina è nata nel 2012 fondamentalmente per sbugiardare e criticare quel mondo e raccogliere tutte le persone che la pensano diversamente.
Quindi la campagna per le europee si sta consumando a colpi di bufale sull’Euro….Cosa ne pensano e da quale schieramento si contano più avvistamenti di materiale assurdo e infondato?
Sull’Euro e l’Europa cerco sempre di farmi un’idea senza preconcetti. Allo stato attuale sono sicuro che non sia possibile e fattibile uscire dalla moneta unica e dall’Unione, ciò non vuol dire che il modello di Europa sia perfetto così com’è. Sappiamo bene quali sono gli schieramenti che strumentalizzano la questione, senza offrire grandi approfondimenti, ma utilizzando slogan e conclusioni un po’ troppo semplicistiche. Mi riferisco a M5S, Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia.
 Facebook sposta voti?
Facebook è un altro strumento per tastare la pancia della popolazione 
Argomento più sbugiardato? 
Ultimamente le bufale più grandi sono quelle che riguardano i Rom. Una problematica seria strumentalizzata da milioni di pagine e da siti alla ricerca di facili condivisioni. Tutto ciò ha portato anche al fenomeno inverso: pagine troll schierate scherzosamente a favore dei Rom.
Quanto alle bufale, oltre a segnalarvi calorosamente la pagina in questione, .vi invito a leggere quì, dal genio di Wired.

Diretta streaming delle consultazioni tra Renzi e Grillo

http://video.repubblica.it/dossier/governo-renzi/governo-l-incontro-renzi-grillo-dura-solo-10-minuti-il-video-integrale/156490/154982?ref=HREA-1

Consultazioni in diretta streaming: Grillo 3-Renzi 0

A pochi minuti dalla diffusione in streaming delle consultazioni tra Renzi e Grillo, la prima considerazione è che si sia trattato di un qualsiasi talk show politico privo di conduttore atto a mediare il dibattimento nervoso dei contendenti.

L’incontro si apre con generosi convenevoli da parte del sindaco e dalla immediata affermazione da parte dello stesso di essere a quel tavolo con l’intento di non trattare: “Vi diciamo da subìto che per quello che ci riguarda noi non vi chiediamo alcun accordo vecchio stile, nessuno, nel senso che non siamo a chiedervi il voto di fiducia, non siamo a chiedervi un governo…” e subito incontra la replica di Grillo che afferma di essere spiazzato dall’affabilità dei toni e domanda ironico il perché della convocazione.

Questo è stato l’errore che ha dato lo sprint all’esito disastroso della consultazione. Il clima si surriscalda: i presenti si stiracchiano nervosamente e si muovono sulle sedie poste frontalmente. Un vociare interrompe la conversazione e il sindaco esorta i funzionari ad assicurare il silenzio nelle stanze circostanti per lo svolgimento della consultazione.

Riportato l’ordine, si scherza su Di Maio e sul suo fare agguerrito. Si scherza sulla cresta di tre euro di Fico, il grillino alla Commissione Rai. Renzi non sorride e taglia breve con l’esposizione del programma di governo, metaforizzato con l’immagine dei compiti a casa da fare, prima di poter affrontare il semestre di commissariato europeo.

Sebbene interrotto da uno spiazzato Di Maio che domanda “In che senso?”, Renzi procede all’esposizione.

Di qui però interviene Grillo, che bonariamente spiega le sue posizioni e chiarisce il suo non voler parlare con il sindaco non per questioni personali ma per la controparte che egli rappresenta.

Il sindaco lo esorta a lasciarlo parlare con interventi ironici e riferendosi spesso al passato di Grillo nello spettacolo, compiendo così il secondo errore: si preclude ancora una volta ogni possibilità di dialogo, esponendo all’avversario una sua nota debolezza, ovvero l’attitudine al going public, al suo voler fare l’Obama italiano. Tutto ciò gli viene dunque rimproverato da Grillo che ancora una volta ha l’occasione di parlare ed esporre in diretta streaming il programma e l’essenza del movimento.

Una decina di minuti in cui Grillo, chiaramente e seccamente, afferma più volte di essersi presentato all’incontro per una questione di correttezza, perché il popolo a cinque stelle glielo ha chiesto sul blog. Tuttavia non consentirà nemmeno per un minuto a Renzi di proferire parola e dirà chiaramente di non voler trattare o ascoltare argomentazione di ogni sorta, spingendo un Renzi seccato a interromperlo dicendo: “Questo non è il trailer del tuo show!”.

Il linguaggio raggiunge il culmine della colloquialità nel momento in cui Renzi appella il suo oppositore nominalmente, e lo esorta a concedergli qualche minuto per poter esplicitare le sue intenzioni dicendogli “Beppe, io sono uno di quelli che pagava il biglietto per venire ad ascoltarti!”: è l’ultima carta che lancia cercando di stemperare l’ennesima possibilità per Grillo di porsi in posizione superiore. Tuttavia ci troviamo in presenza di un terzo errore: Grillo infatti a questo punto, prontamente si rivolge al sindaco con un tono simile a quello del nonno nei confronti di un giovane nipote, facendo emergere il frame della giovane età del sindaco in senso negativo. Una giovinezza non sintomo di freschezza e rinnovamento come Renzi vuole far intendere, bensì sintomo di inesperienza e ingenuità verso il sistema politico che si appresta a rappresentare. Più volte Grillo ribadisce la vecchiaia interiore del sindaco posta in confronto alla sua giovane età biologica. La vecchiaia cui si riferisce Grillo è quella del sistema politico attuale che egli stesso intende combattere e da questa stessa vecchiaia, insita nel partito che Renzi rappresenta, Grillo intende prendere esplicitamente le distanze, ammonendo il sindaco novello, ma giustificandolo per la sua inesperienza di “questo mondo politico” di cui invece egli invece ne è parte da tempo. “Tu sei una persona buona che rappresenta un potere marcio” gli dice affettuosamente Grillo che rifiuta ancora la richiesta del sindaco di poter parlare.

“Beppe esci da questo blog!” sbotta il sindaco più volte ammutolito ed interrotto. Ma il ponte comunicativo crolla, il sindaco comprende che la discussione non può procedere oltre e conclude l’incontro con un secco”..è finita! Buona giornata, è stato un piacere!”

Il mio voto? Grillo batte Renzi 3 a 0.

Il vostro?

Potete esporre anche qui il vostro voto, in un improbabile sondaggio di Espresso

10 COSE CHE UN POLITICO NON DEVE FARE IN CAMPAGNA ELETTORALE

Per un candidato a qualsiasi elezione, “metterci la faccia” nell’era del web 2.0, significa monitorare costantemente tutte le apparizioni pubbliche e non. A volte qualche dettaglio sfugge e la punizione dell’elettorato giunge puntuale e amara. In un momento storico come questo, mi sono chiesta cosa c’è di più sbagliato nelle mosse dei candidati in competizione. Spero che gli esperti di comunicazione perdoneranno lo stile ironico e derisorio..ma si sa, ridendo e scherzando, si dice pur sempre la verità.

1) Lanciare slogan degni delle pubblicità di prodotti per la casa. Per carità, le casalinghe ne sarebbero entusiaste ma un conto è Obama che sforna un geniale YES WE CAN, e un conto è Civati che lancia il suo LE COSE CAMBIANO CAMBIANDOLE, peraltro deriso e schernito a livelli imbarazzanti. Parliamoci chiaro, lo slogan oramai è il pezzo forte di una campagna. Perchè è breve, conciso, facilmente memorizzabile e dunque assimilabile al volto del candidato. Ci sono esempi storici di slogan fortunatissimi quali quello della Thatcher, LABOUR ISN’T WORKING con un giochino di parole che alludeva al partito laburista e alla parola lavoro; e come non citare il decaduto Berlusconi, idolo incontrastato degli slogan elettorali in merito al geniale FOZZA ITAIA allegato all’immagine di un bambino. Insomma, lo slogan, per asservire allo scopo per cui è impiegato deve essere intelligente e immediato. Se non si dispone di buona inventiva, meglio tacere.

2) Negare un’accusa scandalistica piagnucolando che è tutta colpa dei media. Si sa, la campagna elettorale è il periodo di massima tensione per il candidato e per il suo staff; capiterà di essere fotografati in compagnia di avvenenti signorine o a cena con facoltosi avvocati. Ciò che conta è che, colpiti da scandalo, falso o vero che sia, il danneggiamento all’immagine sta tutto nella reazione di chi è stato infangato. La condotta extra-coniugale di Clinton, si risolse tutta in una pubblica ammissione in cui dichiarava di essere un umano e di aver sbagliato in quanto tale. Ciò intenerì l’America che perdonò le sue scappatelle con commozione e ammirazione. Quanto a chi nega, se hai le mani sporche di marmellata, la cosa peggiore da dire è “Non sono stato io!”; un po’ come l’amante beccato in groppa che dice “amore, non è come pensi”. Insomma, negare l’evidenza equivale ad ammetterla una seconda volta.

Image

3) Spararsi le pose. Il volto del candidato ha oramai superato il logo del partito. Ala domanda “tu chi voti” la maggioranza dell’elettorato risponde “tizio”, non “il partito della banana”. Motivo per cui se non si è fotogenici è meglio scegliere pose che valorizzino e non sviliscano l’immagine. Un primo piano dei nei di Renzi sicuramente non sortirebbe l’effetto che fa la sua agiatezza nel fissare dritto in camera mentre posa con il busto di traverso. L’immagine è la più importante dei canali di veicolazione, tant’è che lo stesso Hitler era solito studiare con attenzione gli scatti che lo ritraevano del suo fotografo personale, scegliendo i migliori e utilizzando i peggiori per imparare a posare con naturalezza.

Image

4) Ridondare e stalkerare l’elettorato. Una delle cose più insopportabili è ricevere mail due volte al giorno con dubbi contenuti che invitano a “portare un amico”. Questo tipo di coinvolgimento scatena nel ricevente l’impulso a cliccare su “segnala come spam”. Nulla di più controproducente è sentirsi col fiato al collo come con le telefonate dai call center di Sky.

5) Perdere il controllo nei talk show. La scenetta di Sgarbi che salta dalla sedia insultando senza pietà chiunque gli capiti a tiro ha stufato. Nella baruffa di strilli, turpiloqui e inviti del conduttore a tornare calmi, la reazione tipica dell’elettore medio è “se avessero tanti nervi e tanta energia per risollevare la nazione…”. Qui giunge in mio aiuto Gaber… “Sarà che gli italiani, per lunga tradizione, son troppo appassionati, di ogni discussione. Perfino in parlamento, c’è un’aria incandescente, si scannano su tutto e poi non cambia niente”  

6) Stare attenti ai fuori onda. Nell’era degli smartphones, registrare un audio o un video e caricarlo sul web è questione di secondi. Se avete la memoria breve, basta googlare “figuracce politici fuori onda” per essere inondati di esilaranti situazioni per cui i politici beccati a borbottare frasi di dubbio gusto, hanno poi dovuto riprendersi con l’acqua alla gola. La gogna mediatica 2.0 è terreno sempre più fertile per questo genere di smascheramento: la velocità con cui gira una brutta figura non è la stessa con cui gira il ripensamento. I politici sono umani, per carità, però è meglio prestare attenzione all’atteggiamento in situazioni pubbliche, e tenere i commenti inappropriati per quando si cena a casa con la propria consorte. Vi allego un simpatico video di Howard Dean, candidato alle primarie democratiche del 2004, che ad un raduno con i suoi militanti per rallegrare e caricare il clima, in seguito a una cocente sconfitta nell’Iowa, pronunciò un discorso esaltante che concluse con uno “YEAAAAH” in stile concerto rock. Il video fu tagliato e costantemente riprodotto con il nome di “I have a scream” e di lui passò l’immagine di un candidato stanco e paonazzo che gridava e si dimenava con le maniche della camicia arrotolate. Il danneggiamento fu tale da costargli la vittoria e la casa che aveva ipotecato per sostenere la campagna.

7) Essere preparati sull’argomento. Se un giornalista di Le Iene chiede che cosa è il PIL, l’elettorato si aspetta che il candidato interrogato sappia rispondere. Senza voler pretendere definizioni astruse, bisogna esser certi delle proprie argomentazioni. Ribadisco che gli esseri umani non sono infallibili come le macchine, ma la data dello scoppio della prima guerra mondiale dovrebbero saperla anche i bambini. Motivo per cui, dando per scontato che il candidato sia una persona seria e preparata, una “ripassatina” sui temi caldi da trattare in pubblico è d’obbligo, altrimenti l’elettorato non perdonerà mai l’ignoranza.

8) Non promettere Ferrari se non si può ambire nemmeno a un biglietto per il tram. La promessa più stupida della storia è stata sicuramente quella del rimborso dell’Imu. Tralasciando quella parte di popolazione che si è recata alle Poste, sventolando fiera la letterina ricevuta dal Cavaliere per riscuotere il maltolto, quella promessa è costata cara all’endorsement di Burlesconi. Promettere è la prima abilità di un politico degno d’esser chiamato tale.. Ma le aspettative dell’elettorato, specie se il candidato è gia sul carro della vittoria, una volta tradite, non tornano indietro.

Image

9) Non fare dell’avversario il Voldemort di Harry Potter. Ripetere continuamente il nome dell’avversario, insultarlo, denigrarlo, nominarlo in continuazione non farà passare l’idea che sia meglio non votarlo. Entra in atto quello che gli esperti chiamano “distacco cognitivo”: Berlusconi non ha mai nominato Bersani, il quale invece lo nominava una parola su tre. Alle persone piace l’esser propositivi ma soprattutto “sportivi”. Per cui parlare sempre con connotazione negativa non è esattamente lo stile giusto. La virtù sta nel mezzo, per cui un eccesso di diffamazione è sicuramente controproducente.

Image

10) Il decimo punto è tutto vostro. Cosa non tollerate tra le pratiche più comuni dei candidati che cercano voti? 

Piove, governo ladro! Storia di un’imprecazione

La fortunatissima espressione in questione ha radici forse antichissime e in verità vi è un certo conflitto di attribuzione. In un momento storico in cui l’accanimento verso la politica si traduce in sfiducia quasi insanabile, allontaniamoci per un attimo dalle amare questioni specifiche e alleggeriamo l’atmosfera con la storia di questa nota imprecazione.

Image

Spessissimo sentiamo dire, twittare, scrivere, gridare, schernire o cantare queste tre leggendarie parole. Basta fare una piccola ricerca sul web per scoprire che forse, l’origine del modo di dire è tutto italiano. O forse no.

Procediamo con ordine.

La tesi più avvalorata è quella di Alfredo Panzini, secondo cui l’imprecazione nacque in una vignetta di una rivista satirica, “Il Pasquino“, che raffigurava alcuni mazziniani al riparo dalla pioggia i quali, beffati dal maltempo, avevano dovuto rimandare una loro dimostrazione pubblica. L’espressione fu così fortunata che divenne poi il motto della rivista stessa.

L’espressione è attribuita anche al Granduca di Toscana, tristemente noto perchè impose la tassa sul sale: ma, dato che la pesa veniva fatta nei giorni di pioggia, il sale pesava di più e la tassa era dunque….salata!

Image

Vi sono poi altre origini che si fanno risalire all’impero romano o a quello egizio. Sta di fatto che, in ogni caso, essa sia stata usata per maledire i governanti, colpevoli di tutto, e quindi anche della pioggia.

Image

 

Le vignette che si trovano spulciando sui vari social o sui giornali, sono effettivamente tutte molto simpatiche. Sorridere, nonostante il temporale degli eventi, è una cosa innata che, fortunatamente, il genere umano non cesserà mai di fare. La satira e le espressioni che essa conia, ci fanno sperare che..insomma, non può piovere per sempre! 

Image